cOAlitionSsta portando avanti, da settembre 2018, l'attuazione di Plan-S. Nella sua prima versione, approfondita durante il Seminario "Open Science e Plan-S: la parola ai research funders" prevede che dal 2020 pubblicazioni scientifiche e dati inerenti risultati di ricerche finanziate con fondi pubblici debbano essere pubblicate su riviste o piattaforme Open Access, senza ulteriore onere finanziario per gli autori.

Oggi è stata rilasciata una guida revisionata all'implementazione di Plan-S, in seguito ad un periodo di confronto tra le istituzioni aderenti (tra cui Commissione Europea e, per l'Italia, INFN e Compagnia di San Paolo).

Il Plan-S revisionato mantiene i principi fondamentali:

  • nessuna comunicazione scientifica deve rimanere inaccessibile
  • l'Open Access dovrebbe essere immediato
  • l'Open Access pieno viene implementato attraverso l'uso della Creative Commons Attribution CC BY
  • i finanziatori si impegnano a sostenere le Open Access fee a un livello ragionevole
  • i finanziatori non supporteranno la pubblicazione su riviste ibride a meno che non facciano parte di un Tranformative agreement con un endpoint chiaramente definito

Ecco, invece, le novità principali:

  • la data di avvio di Plan-S è stata prorogata di un anno, al 2021
  • i Transformative agreements saranno supportati fino al 2024
  • vengono supportati più modelli di transizione all'open Access
  • viene fornita una maggiore chiarezza sui vari percorsi per essere conformi a Plan-S
  • maggior enfasi è data al cambiamento del sistema di valutazione e premialità della produzione accademica
  • viene sottolineata l'importanza della trasparenza nelle tariffe di pubblicazione Open Access (APCs)
  • i requisiti tecnici per i repository Open Access sono stati rivisti e semplificati

PER APPROFONDIRE